in viaggio nei luoghi di
Despar Sicilia
{{'2020-04-02 00:00:00' | dateToISO | date : 'dd LLLL y'}}

La splendidissima Termini Imerese, dove nacque la Fiat 500

Quando si parla di Termini Imerese la prima immagine che viene alla mente è quella di una Cinquecento che varca i cancelli dello stabilimento SicilFiat. Era il 19 aprile del 1970 e la Fiat produsse proprio qui il primo esemplare di uno dei suoi modelli di maggior successo, la Cinquecento appunto. Come sono andate le cose è storia nota, l’immaginario collettivo conserverà sempre questo prezioso ricordo.

Ma la città sul golfo tra Palermo e Cefalù è anche altro, tanto da meritarsi l’appellativo di “splendidissima”: è la terra che ha dato i natali al più antico Carnevale di Sicilia, è uno dei belvedere più belli dell’Isola con al centro la meravigliosa cupola della chiesa dell’Annunziata. È la terra dalla storia antica, dove sorgevano le terme di Himera, fondata nella metà del 600 a.C. dai Greci, ed è il paese con il più antico presepe in marmo della Sicilia. Insomma, a Termini Imerese non mancano di certo le cose da fare e da ammirare.

Arrivano i Nanni al Carnevale più antico di Sicilia
Febbraio è uno dei periodi migliori per visitare Termini Imerese: l’atmosfera del Carnevale termitano è davvero irresistibile. E’ uno dei più antichi, le prime testimonianze sono del 1876. Ad accogliervi saranno U Nannu ca’ Nanna, due arzilli vecchietti interpretati da ignoti: c’è mistero infatti sulle identità di chi ne veste i panni, si sa solo che sono uomini e che devono attenersi a regole ferree, una sorta di casta a cui negli anni hanno partecipato persone importanti della città, ma anche gente comune.

U Nannu è il simbolo del male che bruciando alla mezzanotte del Martedì grasso segna la fine del divertimento e l’inizio della Quaresima. Morto lui – metaforicamente s’intende –, arriva a Nanna, sicca e longa, simbolo del periodo di penitenza che la Quaresima chiama ad affrontare e insieme espressione della rinascita e della fertilità con l’arrivo della primavera.

Il panorama sul Mediterraneo e quella cupola blu
Se il clima carnevalesco vi farà divertire, il meraviglioso panorama di Termini Imerese vi farà innamorare. Un belvedere che si affaccia sull’isola, da cui è possibile specchiarsi sulle acque del Mediterraneo, mentre il Monte San Calogero sulle cui pendici la città sorge, diventa speciale custode di tanto splendore.

L’occhio curioso è poi colpito da un dettaglio: una cupola blu. È la cupola della chiesa dell’Annunziata, decorata da maioliche color azzurro scuro. Spicca su tutta la veduta, divenendo il simbolo più conosciuto di Termini Imerese. La chiesa è oggi lasciata al degrado totale, violentata da un restauro di qualche anno fa che ha distrutto diverse preziosità custodite al suo interno. Quello che è stato recuperato, è conservato al Duomo, come il Crocifisso Nero, realizzato in ebano, a cui la cittadinanza attribuisce tanti miracoli. All’Annunziata è rimasto solo un gruppo marmoreo dedicato alla Sacra Famiglia risalente ai primi anni del 1500 – considerata l’opera marmorea presepiale più antica della Sicilia - e appunto la cupola che dall’alto sovrasta il Golfo. È un punto di riferimento per la gente del posto e lo diventa ben presto anche per i turisti: guardarla infonde speranza, sembra respirare fiducia, mentre il mare poco più distante si fa specchio di vita.

Il tuo punto vendita a Termini Imerese (PA):
· EUROSPAR - Via Ugo Foscolo, 1

Potrebbero interessarti anche:

{{'2020-10-15 00:00:00' | dateToISO | date : 'dd'}}
{{'2020-10-15 00:00:00' | dateToISO | date : 'LLLL y'}}

Sortino e l’Opera dei Pupi

Sortino lascia in bocca la dolcezza del miele siciliano e dell’Arancia ovale dell’Anapo.

scopri di più
{{'2020-10-09 00:00:00' | dateToISO | date : 'dd'}}
{{'2020-10-09 00:00:00' | dateToISO | date : 'LLLL y'}}

Viaggio a Gravina di Catania, la terra de li plachi

La sua concentrazione di abitanti su una superficie relativamente piccola fa di Gravina di Catania il secondo comune siciliano con la più alta densità abitativa.

scopri di più