in viaggio nei luoghi di
Despar Sicilia
{{'2019-02-14 00:00:00' | dateToISO | date : 'dd LLLL y'}}

Villa del Casale a Piazza Armerina: in bikini già ai tempi dei Romani

Testimonianza del periodo romano unica al mondo per numero e grandezza dei pavimenti, importanza delle rappresentazioni ed elevatezza artistica. È la Villa Romana del Casale, a pochi kilometri da Piazza Armerina: esempio supremo di dimora di lusso e inimitabile affresco delle abitudini di vita della classe dominante romana. 3.500 mq per 48 ambienti: un tesoro incalcolabile, dal 1997 dichiara dall’Unesco patrimonio dell’Umanità, che grazie alla perfetta conservazione degli spazi e dei mosaici, offre uno straordinario spaccato del mondo romano. Scene di vita quotidiana, ma anche raffigurazioni di eroi e divinità, riproduzioni fedeli di animali e piante, momenti di caccia e giochi: i mosaici della Villa Romana, si pensa realizzati da maestri nordafricani di cui si apprezza la grande tecnica attraverso il realismo dei soggetti e dei colori, perfettamente conservati ai giorni nostri, sono veri e propri gioielli artistici d’incommensurabile valore. Edificata nel III- IV secolo d.C., forse come residenza di caccia di Massimiliano Erculeo, collega di Diocleziano nella gestione dell'Impero romano, o forse come abitazione di un potente patrizio dell'Impero, la Villa Romana è stata abitata in epoca bizantina e altomedievale e persino nel periodo arabo-normanno.
Successivamente, a seguito di alluvioni e dei conseguenti smottamenti che coprirono molte zone del centro agricolo, l’insediamento fu abbandonato definitivamente. Ci sono volute tre lunghe campagne di scavi, la prima iniziata nel 1929, l’ultima negli anni ’50, per riportare alla luce l’antico insediamento che è riuscito a mantenersi in modo così impeccabile proprio grazie alla speciale copertura di sabbia e fango che lo sommerse nel 1600.
La struttura è composta da una parte residenziale intorno al grande peristilio centrale, su cui si affaccia anche la basilica, da una zona di rappresentanza con il peristilio ellittico e la sala trilobata o Triclinio, caratterizzata da tre absidi. Completano la struttura il complesso delle terme e il cortile-porticato d'ingresso, a pianta irregolare. Tra gli ambienti da menzionare certamente il Corridoio della Grande Caccia, che raffigura le varie fasi della cattura di animali feroci in Africa e in Asia da destinare ai giochi circensi; la sala che raffigura dieci ragazze in bikini impegnate in uno spettacolo in onore della dea del mare Teti; la Sala della Danza; la Sala del Circo adibita a palestra, il cui mosaico riproduce un circo identificato con il circo Massimo a Roma e la stanza raffigurante una scena erotica.
Patrimonio artistico di enorme ricchezza, la Villa Romana ogni anno richiama migliaia di turisti, offrendo loro un’affascinante testimonianza della vita di una delle civiltà più importanti al mondo.

Il tuo punto vendita a Piazza Armerina(EN):
• Despar - Via Mons. La Vaccara, n°28

Potrebbero interessarti anche:

{{'2019-05-16 00:00:00' | dateToISO | date : 'dd'}}
{{'2019-05-16 00:00:00' | dateToISO | date : 'LLLL y'}}

Il Medioevo di Castelvetrano durante il Corteo Storico di Santa Rita e della Nobiltà Castelvetranese

Rullo di tamburi, costumi cinquecenteschi, sbandieratori, alfieri e musici per la speciale atmosfera medievale che si respira a Castelvetrano, in provincia di Trapani

scopri di più
{{'2019-05-09 00:00:00' | dateToISO | date : 'dd'}}
{{'2019-05-09 00:00:00' | dateToISO | date : 'LLLL y'}}

Centuripe: il balcone di Sicilia dall’incommensurabile tesoro archeologico

Il balcone della Sicilia da cui ammirare un panorama unico

scopri di più