una sana alimentazione con
Despar Sicilia
{{'2020-11-30 00:00:00' | dateToISO | date : 'dd LLLL y'}}

Come degustare il cioccolato, con tutti i sensi

Il cioccolato ha un profumo, un suono, un colore e un sapore inconfondibili: proprio queste peculiarità lo rendono un alimento amato da quasi tutti. Ne esistono anche tantissime varianti, è quindi davvero difficile non incontrare tutti i gusti, da quello più dolce a quello più amaro.

Che se ne vada pazzi o meno è giusto però sapere assaporarlo al meglio e, soprattutto, imparare ad attivare tutti i sensi a disposizione per gustarne ogni sfumatura.

Olfatto
Il cioccolato ha diversi profumi, quello primario, che identifica il cacao di origine e quello secondario, che deriva dalla fase di fermentazione. Se questi due profumi sono bilanciati, allora il cioccolato è perfettamente equilibrato. Sciogliere un pezzetto di cioccolato, espirare lentamente e poi annusare attentamente permetterà di sentire affiorare tutti gli aromi.

Udito
A seconda della concentrazione di cacao presente nel pezzetto di cioccolato questo emette un suono diverso, più presenza di cacao vuol dire suono più intenso. Ascoltare con attenzione il cioccolato che si spezza aiuta a intuirne subito la qualità, se è senza ripieno, produrrà infatti un suono secco e “croccante”.

Tatto
Il cioccolato a contatto con le mani ne assume un po’ di calore e questo aiuta a sprigionare tutto il suo aroma. Per questo motivo, anche tenere il cubetto tra le dita qualche secondo è importante quando si vuole assaporare al meglio il cioccolato.

Vista
Osservare bene il cioccolato è fondamentale per capire se è stato conservato bene. Se si nota infatti una patina bianca o gialla sopra al pezzetto significa che il burro di cacao e lo zucchero sono affiorati in superficie, può succedere per esempio se è stato conservato a temperature troppo elevate. Si può ancora mangiare, ma non sarà al massimo delle sue potenzialità!

Gusto
Dopo aver assaporato il cioccolato con tutti gli altri sensi arriva il momento dell’assaggio, sicuramente il più “dolce”. Mordere un piccolo pezzo e lasciargli tutto il tempo di sciogliersi lentamente in bocca gli permetterà di sprigionare il meglio di sé, ovvero tutto il suo aroma.

Potrebbero interessarti anche:

{{'2021-04-08 00:00:00' | dateToISO | date : 'dd'}}
{{'2021-04-08 00:00:00' | dateToISO | date : 'LLLL y'}}

Pesce azzurro: quale portare in tavola in primavera!

Come riconoscere se il pesce è fresco? Quali sono i pesci azzurri di primavera?

scopri di più
{{'2021-02-11 00:00:00' | dateToISO | date : 'dd'}}
{{'2021-02-11 00:00:00' | dateToISO | date : 'LLLL y'}}

Cibi siciliani antifreddo: combatti l’inverno a tavola!

Di stagione e siciliani: eccoti i cinque alimenti contro le temperature più rigide!

scopri di più