in viaggio nei luoghi di
Despar Sicilia
{{'2019-04-04 00:00:00' | dateToISO | date : 'dd LLLL y'}}

A Niscemi il sapore della tradizione fa festa alla "sagra del carciofo"

Un’intera settimana di eventi dedicata a uno degli ortaggi più salutari. E’ la “Sagra del Carciofo” di Niscemi, comune in provincia di Caltanissetta, ormai ribattezzato “la capitale del carciofo”. Giunta alla 39^ edizione, quest’anno la kermesse ha preso il via lo scorso 30 marzo e proseguirà fino al 7 aprile con un programma come sempre denso di eventi, tra mostre, spettacoli musicali, convegni e intrattenimenti.
Protagonista sempre lui, il carciofo violetto, al centro di prelibate degustazioni e stand espositivi durante l’intera manifestazione che ogni anno richiama migliaia di turisti da tutta la Sicilia e non solo. Niscemi, piccolo comune tra la parte terminale dei Monti Erei e le pendici degli Iblei, circondato da boschi, tra cui la famosa Sughereta, vive il suo momento di maggiore affluenza turistica, oltre che di vivacità culturale.
La “Sagra del carciofo” è anche appuntamento fieristico di spessore che accende i riflettori sulle produzioni agricole del territorio, sul suo artigianato e le altre attrattive, richiamando espositori dai Comuni limitrofi. Zona vocata soprattutto all’agricoltura contadina e all’artigianato, in occasione della sagra la città fa un’analisi dello stato di salute del comparto agricolo attraverso confronti e dibattiti interessanti, a partire proprio dal prodotto locale di punta, il carciofo violetto.
La produzione nazionale di questo ortaggio dalle tantissime proprietà salutari per il nostro organismo, ricco di fibre, sali minerali, vitamina A, B1 e C e povero di sodio, è infatti in buona parte coperta dalla produzione niscemese e dell’intera Piana di Gela.
Era il 1978 quando la ProLoco locale decise di organizzare la prima edizione della “Festa del Bosco/Sagra del Carciofo” in contrada Olmo, una manifestazione dalle dimensioni ovviamente ridotte rispetto a quelle attuali che fu però subito apprezzata dalla gente del posto.
Dopo qualche anno, di fronte al successo crescente, si decise di spostarla nel centro storico e di arricchirne il programma con tanti eventi che oggi riescono a richiamare decine di migliaia di presenze. Passeggiando tra gli stand espositivi è impossibile resistere alla tentazione di assaggiare i prodotti dell’enogastronomia locale, ma soprattutto le tante prelibatezze a base di carciofi, come l’immancabile “Cacucciulata”, la specialità culinaria tradizionale i cui ingredienti sono ovviamente i carciofi preparati con la mollica di pane, l’aglio, l’acciuga e il pecorino.
I sapori di un tempo, sani, genuini, da gustare lentamente, conquistano insomma anche i palati più esigenti in una manifestazione che richiama all’allegria e alle antiche tradizioni. E per smaltire quanto gustato o semplicemente conoscere più addentro il territorio di Niscemi, non resta che completare la visita nel Comune nisseno con una passeggiata rigenerante nella famosa “Riserva naturale orientata Sughereta di Niscemi”, la più importante testimonianza di foresta primaria a sughera e leccio della Sicilia centro-meridionale.

Cuore pulsante è la Quercia Mosaica, l’esemplare più imponente di quercia da sughero presente in questa zona della Sicilia, con una circonferenza di 6 metri e un’età stimata in 450-500 anni che la rende la più grande e longeva d’Europa.

I tuoi punti vendita a Niscemi (CL):
• Despar - Via Samperi, 289

Potrebbero interessarti anche:

{{'2019-12-05 00:00:00' | dateToISO | date : 'dd'}}
{{'2019-12-05 00:00:00' | dateToISO | date : 'LLLL y'}}

Il dipinto di Assoro, la città presepe dal carattere ardito

Viri fortes et fideles. Con queste parole Cicerone omaggia il coraggio degli assorini, gli abitanti di Assoro, piccolo comune in provincia di Enna.

scopri di più
{{'2019-11-28 00:00:00' | dateToISO | date : 'dd'}}
{{'2019-11-28 00:00:00' | dateToISO | date : 'LLLL y'}}

‘U misi i santa Barbara”, a Paternò si celebra la santa che salvò il paese dalla peste e dalla lava

Nel 1576 la peste minacciava Paternò, paesino alle pendici dell’Etna in provincia di Catania, seminando ovunque morte e distruzione.

scopri di più